Lettera della Presidente ai Soci

La Presidente della Libuni, Lucia Paoletti, rivolge la seguente lettera a tutti i Soci:
 

Città della Pieve, 05 giugno 2020


Cari soci ,

poiché i tempi presenti ci negano il piacere di incontrarci fisicamente per chiudere l’anno accademico, come sempre abbiamo fatto, mi rivolgo a voi con queste brevi righe per fare il punto sul recente passato, presente e futuro della Libuni in tempi di Corona Virus.

Il passato recente

A partire dal mese di marzo, dopo la totale interruzione delle nostre attività, nel clima di sospensione, smarrimento e paura che tutti abbiamo provato a confronto con situazioni che mai avremmo immaginato di vivere, abbiamo cercato di non far tacere la voce della Libuni e di farvi sentire la nostra vicinanza attraverso la segnalazione di proposte culturali presenti nel nostro sito.

Questo è stato possibile grazie all’impegno costante ed alla competenza professionale di Carlo Zappalà, al quale rivolgo un sincero e profondo ringraziamento anche a nome di quanti, tra voi, hanno dimostrato apprezzamento per l’iniziativa.

Il Comitato Direttivo inoltre, nella convinzione di interpretare il vostro sentire e con l’intento di dare prova tangibile del radicamento della Libuni nel nostro territorio, ha devoluto una quota simbolica delle vostre iscrizioni al fondo di solidarietà promosso dal Comune di Città della Pieve.

Il presente

Come ho precisato all’inizio, chiudiamo oggi l’anno accademico 2019-2020, con tristezza per quanto ci lasciamo alle spalle e preoccupazione, ma anche con la ferma volontà di “continuare ad esserci”.

Il futuro

In questo momento non possiamo fare previsioni certe o stabilire date precise, ma è fermo proposito del Comitato Direttivo lavorare nei mesi estivi con i seguenti obiettivi:

- risolvere le questioni finanziarie rimaste aperte (soci che hanno pagato per corsi che non sono stati attivati, bilancio…..),

- elaborare il programma dell’anno accademico 2020-2021, riproponendo i corsi non effettuati e formulando nuove proposte di corsi ed iniziative,

- valutare la disponibilità di utilizzo di spazi coerenti con le normative attuali ,

- ipotizzare diverse metodologie didattiche qualora dovesse persistere la situazione di pericolo.


Si tratta di una sfida impegnativa, che accettiamo con la determinazione di chi crede nella funzione sociale e culturale della Libuni e farà di tutto perché, nel rispetto delle regole atte a tutelare la salute di tutti, nell’attenzione alle condizioni generali del nostro paese ed in particolare del nostro territorio, possiamo presto ritrovare il “piacere di stare e di imparare insieme”.

Augurandovi una serena estate all’insegna della normalità, abbraccio virtualmente, ma con sentimento sincero, tutti voi.

La Presidente

Lucia Paoletti